peuterey pastis Alessia Clementi

peuterey azienda Alessia Clementi

, nata a Soriano nel Cimino nel 1966, vive e lavora a Soriano. Diplomata al Liceo Artistico di Viterbo, si è perfezionata come illustratrice all’IED di Roma.

In questo ambito sono rilevanti:

collaborazione nell’esecuzione della cartellonistica autostradale sita nelle aree di servizio e riguardante le informazioni sul territorio limitrofo;

stesura dei depliantes informativi “conosci la natura” ideate dal WWF e da Conad, per la conoscenza delle oasi naturali;

realizzazione depliantes per l’azienda Ceramiche Venus;

esecuzione grafica dell’opuscolo “questa è l’Italia” dell’Agip Petroli;

collaborazione nella realizzazione dei cataloghi illustrativi della produzione di pelletteria “GUCCI”;

creazione e realizzazione marchio per azienda agricola molisana “De socio prodotti biologici”;

progetto e realizzazione illustrazioni degli informativi della Croce Rossa Italiana, riguardanti la menopausa e l’osteoporosi.

Rivolge inoltre la sua attenzione ad una tipologia di lavoro che unisce capacità artigianali di lavorazione del legno e pittoriche, realizzando oggettistica d’arredamento e trompe l’oeil.

Nel 2002 esce allo scoperto come pittrice, con una mostra personale nella ex sala consiliare del Comune di Soriano nel Cimino che la porta alla conoscenza del pubblico e della critica.

E’ però negli anni tra il 2006 ed il 2008 che avviene la sua esplosione come artista con la partecipazione e l’ottenimento di importanti riconoscimenti in ambito sia nazionale che internazionale.

Amalfi: Accademia della Bussola, insignita della Bussola d’oro al Premio Amalfi 2006 “Mozartiana”;

Nizza: Primo premio categoria acquerelli all’Expò Art Nice nel 2006;

Salerno, esposizione al Palazzo Sant’Agostino;

Esposizione presso la galleria “Cosmo Arte” di Caprarola relativamente alla manifestazione “regalatevi un’opera d’arte”;

Borgo di Ostia Antica: esposizione alla mostra collettiva d’arte “Emozione è Arte” nel 2007;

Partecipa alla collettiva “Rosso d’Arte” tenutasi in Viterbo nell’anno 2008;

Mostra personale nel 2008 a Palazzo Trua in Soriano nel Cimino;

Mostra personale al “volo divino” in Montefiascone nel 2009;

L’ultima personale risale al 2011, anche in questo caso con opere di alto impatto emotivo.

Nel 2013 partecipa ad una collettiva presso il Castello Orsini di Soriano nel Cimino

Considerata dalla critica pittrice completa, che ha scelto la difficile tecnica dell’acquerello per esprimere con forte sentimento la sua creatività.

Nel viaggio all’interno delle sue opere risultano ben evidenti diverse tematiche che spaziano da marmorei volti classicheggianti a sofferte maternità, secondo un cammino che parte da un figurativo che colpisce per intensità e realismo fino a giungere ad una interpretazione più impressionista di scene di vita e stati d’animo.

La luce è la forza limpida, che rassicura e illumina il cammino. Non lascia dubbi su forme ed oggetti, proietta ombre che definiscono e limitano le cose; luce che irradia calore. Io non posso vivere sena luce, ho bisogno di essa come dell per respirare. La limpidezza cristallina, la trasparenza,
peuterey pastis Alessia Clementi
il calore, la forza; la carica che essa trasmette mi è vitale; come altrettanto è l che essa proietta delimitando e definendo contorni, sagome ho bisogno di sani e seri limiti invalicabili, la sicurezza è all di tali confini. E per questo che amo le luci quanto le ombre, così diverse ma inevitabilmente indissolubili; e in mezzo in mezzo c la vita.

ALESSIA CLEMENTI, nelle sue opere dimostra notevole maturità di espressione, padronanza nel segno, nei rapporti cromatici e nelle regole della composizione. I soggetti che lei riproduce sono innumerevoli, ma tutti denotano una forte personalità, specie i monocromatismi. Le sue immagini presentano una solare luminosità, ella indaga con sensibilità nell’animo delle figure che ritrae, rendendo espressività ai loro volti e movimento ai loro corpi. L’esperienza maturata nel tempo l’ha ormai portata verso una più completa maturità tecnica, la sua sensibilità crescente migliora sempre di più la sua formazione sul piano psicologico e dei sentimenti. Tutto ciò porta ad un completamento sul piano tecnico. Con la sua pittura manifesta una vivacità creativa trasmettendo serenità ed umanità. Non di immagini facili però si tratta, ché l’ammirazione per la perizia tecnica lascia spesso campo libero ad una volontà di approfondimento ed allora si scopre, dietro la levigatezza di un tratto, dietro la formale perfezione, un mondo di emotività forte, capace di trasmettere insieme dolcezza e sgomento, bellezza e malinconia. In definitiva, quello che ti aspetti dall’arte. (Prof. Beppe Palomba)

ALESSIA Clementi esprime nelle sue splendide e meravigliose composizioni pittoriche, una grande capacità espressiva che concentra tutte le sue doti pittoriche acquisite nel suo percorso artistico. Nella figura ella delinea con grande stile personale una sobria e raffinata emotività interiore, una stesura carica di sentimento poetico, che la conduce con primaria essenzialità di donna, attenta e dedita alla sua introspezione di artista. Alessia ama descrivere le dolcezze materne, a cui dedica gran parte della sua espressione pittorica, con padronanza monocromatica nel comporre gran parte delle sue opere. Il tratto primario incide con formula indelebile la sua fantasia pittorica, che avvicina l’osservatore delle sue opere verso un meraviglioso mondo silente, fatto di giochi chiaroscurali, dove il segno viene elaborato dalla sua poesia descrittiva e dalla concretezza cromatica. Alessia ci affascina con l’enigma del suo virtuosismo,
peuterey pastis Alessia Clementi
con la simbolica descrizione di scene dai contenuti metafisici immersi nella quinta prospettica dell’opera.