outlet barberino woolrich libreria online Coletti

peuterey bimbo sito ufficiale libreria online Coletti

Collana: LE PORPOREPochi anni prima di Lourdes, un’altra apparizione aveva suscitato discussioni e attese: nel settembre del 1846, a La Salette, nelle Alpi in alta Savoia, due poveri pastorali, Mélanie di 14 anni e Maximin di 11, affermano di aver visto la Vergine. Sono anni di miseria e di carestie, per la Francia come per gran parte dell’Europa. La “bella Signora” di La Salette appare immersa in un globo di luce e in lacrime: dice che suo Figlio è adirato verso il popolo francese a cui promette carestie e malattie se non torna alla fede. La personalità dei due ragazzi lascia perplesse le autorità religiose che, sulla spinta dell’entusiasmo popolare, finiscono per dichiarare miracolosa l’apparizione. L’irrequieto Mazimin si darà a un perpetuo vagabondare, dovrà spesso affrontare problemi finanziari per l’incapacità di trovare un lavoro. E Mélanie, dal carattere cupo e solitario, si sposta da un convento a un altro fino a terminare la sua esistenza ad Altamura nel 1904.

Léon Bloy avvertì una sorta di segno divino nella prossimità di La salette, dove giunse pellegrino per la prima volta nel ’79, per tornarvi ancora in seguito. La sua meditazione sulle rivelazioni della Vergine è affidata a tre scritti qui per la prima volta tradotti. Come notava il protagonista di un romanzo autobiografico di Huysmans, La Cattedrale, la “Vergine riconciliatrice dei peccatori” di La Salette è venuta per le anime a cui piace il dolore, che amano riverire le sofferenze della Passione. Ben diversa dalla Vergine sorridente di Lourdes che non profetizza catastrofi, essa non può attrarre l’uomo comune che fugge la tristezza.

Ma proprio per questo invece attrae Bloy: la sua ansia di assoluto, la sua scelta di un’esistenza di miseria, da “disperato”, il suo spirito polemico verso un mondo che la ricchezza conduce alla rovina e all’indifferenza verso il Cristo sanguinante, lo rendono prossimo alla Vergine di La Salette e al suo messaggio di espiazione attraverso la sofferenza.

Collana: LA MALA PARTE2Torna in tutte le librerie d’Italia l’Esegesi dei luoghi comuni del “terribile” Léon Bloy, mistico, infaticabile “giustiziere” dei contemporanei, caustico e livoroso critico della modernità. L’Esegesi dei luoghi comuni è una tra le opere più impressionanti e dure di tutta la letteratura europea del Novecento. Un libro senza mezze misure né peli sulla lingua, dove le frasi fatte, i luoghi comuni, la sciocca banalità dei contemporanei è svuotata di ogni pretesa assennatezza o presunto buonsenso: Niente e’ assoluto, tutto e’ relativo; Gli affari sono affari; Nessuno al mondo e’ perfetto; Sono come San Tommaso; Solo la verita’ offende; Il denaro non fa la felicità, ma.; sono solo alcuni dei modi di dire attraverso cui Bloy demolisce il mondo e il tempo del borghese.

Essere in Affari significa essere nell’Assoluto. Un vero uomo d’affari è uno stilita che non scende mai dalla colonna. Non deve aver pensieri, sentimenti, occhi, orecchi, naso, gusto, tatto e stomaco se non per gli Affari. L’uomo d’affari non conosce padre, né madre, né zio, né zia, né moglie, né figli, né bello,
outlet barberino woolrich libreria online Coletti
né brutto, né pulito, né sporco, né caldo, né freddo, né Dio, né diavolo. Ignora perdutamente le lettere, le arti, le scienze, la storia, le leggi. Non deve conoscere e sapere altro che gli Affari.

Luogo comune xii, Gli affari sono affari

Attraverso l’interpretazione di centottantatré luoghi comuni, Bloy da vita a qualcosa più di un “semplice” sciocchezzaio o di un “moderno” bestiario sulla banalità del mondo contemporaneo: l’Esegesi vuole essere un’opera di radicale smascheramento delle falsità e delle ipocrisie su cui si fonda la società moderna. infatti contro il borghese, suo nemico designato, che Bloy e la sua Esegesi si scatena: egli è per Bloy la mortificazione stessa della parola e del pensiero, schiacciato dalle sue merci, dalla sua meschinità, dalle sue formulette di presunta saggezza quotidiana. E la ferocia con cui aggredisce i loro affetti più cari il denaro, gli affari, la ricchezza le loro inespresse, malcelate fedi la tecnica, la salute, l’intrattenimento fa crollare tutto il mondo del borghese sotto i colpi dell’invettiva viscerale e oltraggiosa di quest’opera insolitamente affascinante ostile.

Amar ben altro che ciò che è ignobile, puzzolente e stupido; bramare la Bellezza, lo Splendore, la Beatitudine; preferire un’opera d’arte a una porcheria e il Giudizio Universale di Michelangiolo a un inventario di fine anno; aver più bisogno di saziarsi l’anima che di riempirsi l’intestino; credere infine alla Poesia, all’Eroismo, alla Santità, ecco quel che il Borghese chiama “esser fra le nuvole”

Luogo comune xxiv, Esser fra le nuvole

Il misticismo ispirato, che a tratti diviene addirittura violento, esasperato, il richiamo costante all’Assoluto come irriducibile termine di confronto attraverso cui intendere il mondo e il tempo del borghese è infatti elemento ineliminabile in tutta l’opera e la biografia di Bloy. E l’Esegesi del “terribile” reazionario Bloy, rappresenta ancora oggi, nonostante l'”inattualità” e la diffidenza che ha da sempre accompagnato l’autore e l’opera in questione, la difesa di un modo e un tempo del pensiero irriducibile a ogni etichettatura; e a una lettura odierna rimane intatta e non di rado ancor più pregnante la portata disperatamente morale e filosofica mai moralistica della sua critica radicale alla società, all’umanità stessa e al suo orizzonte di progresso.

Collana: LA PAROLA E LE PAROLE2Questa raccolta di brani di L. Bloy vuole introdurre anche se solo con frammenti sparsi ad alcuni aspetti essenziali del suo pensiero e della sua spiritualità. I brani sono ordinati per temi nell’ordine alfabetico. L’antologia diventa così un piccolo “dizionario” del pensiero di Bloy. Fra i tanti temi, appaiono centrali quelli della sofferenza e della povertà. Essi sono per Bloy lo stemma stesso del cristiano: la sua croce e la sua corona di gloria. La sofferenza porta alla luce ciò che è sepolto dentro di noi e lo fa vivere.

Collana: PICCOLA BIBLIOTECA ADELPHIMaria Antonietta, gravata a 14 anni del fardello dell’etichetta, osteggiata e dileggiata a ogni passo, sembra addensare su di sé la vendetta della Storia che esige una vittima sacrificale e sceglie la più ingiusta. Tutto il secolo XVIII si coalizza contro di lei sino a ridurla a vedova Capeto, disegnata con astio da David sulla carretta che va al patibolo. Alle ombre della storia risponde la veemente eloquenza di Bloy, proiettandole su una scena ulteriore, metastorica,
outlet barberino woolrich libreria online Coletti
dove l’apparizione di Maria Antonietta si impone come “dimostrazione di una qualche legge misteriosa”.