giubbino uomo peuterey La Beste debutta a Pitti Immagine con le giacche Up to be

sito ufficiale peuterey La Beste debutta a Pitti Immagine con le giacche Up to be

PRATO. Non sarà la vetrina più importante per le aziende del distretto, tradizionalmente più vocato alla lavorazione di filati e tessuti che alla confezione, ma quello di Pitti Uomo resta l’evento moda più atteso tra gli operatori del settore abbigliamento di tutto il mondo. Nonché il primo in calendario, che quest’anno vede la parteipazione di ben quattordici aziende pratesi, speranzose di cogliere segnali importanti circa l’andamento del mercato o di misurarcisi per la prima volta. E’ il caso di “Up to be”, una collezione di capispalla (ma non solo) realizzata dalla divisione abbigliamento del Gruppo Beste, che debutterà alla rassegna fieristica di scena alla Fortezza Da Basso di Firenze da martedì 10 a venerdì 14. Il progetto nasce dalla collaborazione tra i fratelli Santi, alla guida dell’azienda di Cantagallo, e lo stilista Graziano Gianelli, il cui nome è stato a lungo associato a quelli di Geospirit e Peuterey. Dopo una lunga esperienza che ha visto l’azienda pratese realizzare intere linee di capi d’abbigliamento per conto di altre griffe della moda, i fratelli Santi hanno voluto misurarsi con un marchio proprio, realizzato con i tessuti della tradizione. I capi della collezione battezzata Up to be, una quarantina in tutto tra uomo e donna, saranno ufficialmente presentati ai potenziali buyer provenienti da ogni parte del mondo all’interno di uno stand di circa 250 metri quadati nella Sala della Scherma. Nell’Arena Strozzi, invece, per la seconda stagione invernale consecutiva, si aggiudica uno spazio importante “500 gr”, la linea di capi eco sostenibili ideata a Prato dagli imprenditori Lamberto Cecchi e Marco Banci. Agli stand di Pitti sarà possibile conoscere anche le ultime novità di Annapurna, un’azienda storica del distretto della maglieria che sarà presente alla Fortezza con tre linee: Aida Barni, Annapurna e 5+1 Annapurna. Complessivamente saranno 1072 i marchi presenti quest’anno alla Fortezza Da Basso, a cui si aggiungono le 70 collezioni donna protagoniste a Pitti Woman alla Dogana. Fra le novità dell’edizione numero 81 della rassegna dedicata alla moda maschile, spicca “Make”, un’area speciale dedicata al mondo dell’artigianato: qui, pezzi unici e piccole serie realizzate con grande cura per i dettagli grazie all’esperienza di abili e sapienti mani, si contenderanno l’attenzione dei visitatori che all’ultima edizione invernale hanno toccato quota 30mila. Ma le collezioni di abbigliamento non saranno le indiscusse protagoniste della rassegna, per la prima volta fa il suo debutto in fiera re tessuto, semilavorato pieno di creatività e materia prima del prodotto moda, al centro del progetto “La Fabbrica Lenta” realizzato in collaborazione con l’imprenditore tessile (non pratese, ma vicentino) Giovanni Bonotto. L’obiettivo è quello di far rivivere la grande tradizione artigianale che pulsa dentro l’industria tessile, attraverso una collezione di tessuti scelti per la loro bellezza e le loro particolarità tecnico costruttive. In occasione della manifestazione si segnalano anche iniziative, appuntamentie cocktails di presentazione collaterali che animeranno la

settimana fiorentina in diversi luoghi della città. L’evento clou di quest’edizione sarà la sfilata di Valentino, la sera di mercoledì 11, in uno dei luoghi più antichi di Firenze dove Maria Grazia Chiuri e Pierpaolo Piccioli presenteranno, in anteprima, la collezione uomo autunno inverno 2012 13.
giubbino uomo peuterey La Beste debutta a Pitti Immagine con le giacche Up to be