woolrich outlet Il menù di Natale per i vegetariani

woolrich artic donna Il menù di Natale per i vegetariani

Continuiamo a parlare dei menù di Natale 2012, concentrandoci quest’oggi su ricette prettamente vegetariane. Per coloro che hanno scelto di non mangiare carne e pesce, dunque, cosa è meglio portare in tavola durante queste festività?

Noi di Pinkblog abbiamo selezionato una serie di ricette vegetariane adatte a chi ha fatto la scelta di eliminare dalla propria dieta carne e pesce o, nel caso dei vegani, anche derivati del latte, uova e miele.

Tante proposte, quindi, per antipasti, primi e secondi vegetariani e qualche ricetta dolce per concludere. in poche semplici mosse avrete messo insieme un perfetto menù di Natale vegetariano!

Iniziamo subito con un bel brindisi! Per accompagnare le bollicine offrite ai vostri ospiti delle sfiziose polpette di melanzane, vedrete che il vostro menu di Natale vegetariano partirà immediatamente con il piede giusto.

Poi fate accomodare tutti quanti a tavola e servite come antipasto una buona frittura vegetale ben calda, una ricetta questa sempre molto gradita. A seguire potreste proporre anche dei crostone di polenta di farro con funghi champignon. Questi ultimi sono entrambi antipasti vegani, quindi non avrete problemi anche con i commensali più ortodossi. Le ricette? Eccole a seguire:

Crostone di polenta di farro con funghi champignon:Portate a ebollizione in una pentola capiente 1 l di acqua, aggiungete una presa di sale e 1 cucchiaio di olio. Versatevi le farine a pioggia, rimestando velocemente con una frusta, e continuate la cottura per 20 minuti girando con un cucchiaio di legno. Stendete la polenta su una placca rettangolare e fate raffreddare.

Tagliate i funghi a fettine e saltateli in una padella ben calda con poco olio, fino a quando sono cotti. Toglieteli dalla padella lasciando dentro la loro acqua. Quindi aggiungete all’acqua dei funghi il latte di soia e fate ridurre sul fuoco per addensare la salsa. Dividete i funghi in due parti. Aggiungete alla prima le olive, metà della salsa e del sale, e all’altra i capperi, il prezzemolo e il resto della salsa.

Tagliate la polenta a fette, arrostitela su una griglia molto calda e conditela alternando i funghi ai due sapori. Passate in forno a 180 C per 5 minuti e servite.

Per quanto riguarda i primi piatti, ecco due ricette dedicate ai lacto ovo vegetariani, una per ciascuna tipologia di pasta. Non avrete che l’imbarazzo della scelta!

Per la pasta: montate la frusta a k e versate la farina nella planetaria. Mettete in azione la frusta a velocità a 4 e incorporate uno alla volta le uova. Deve risultare un impasto sbricioloso. Montate il torchio con la trafila dei bigoli. Per fare la pasta lasciate cadere le briciole nel torchio a velocità 2 3 tagliando la pasta nella lunghezza preferita. Prima di aggiungere altro impasto aspettate che la bocchetta del torchio si svuoti e non caricate troppo la macchina per evitare inutili sforzi. Prima di passare alla cottura fare asciugare la pasta su di un canovaccio infarinato.

Per il sugo alle verdure: montate a il tagliaverdure a rullo, introducete il porro e ricavatene dei filamenti e tenetelo da parte. Ricavate poi dei filamenti si a con il peperone che con la zucchine e la melanzana. Scaldate l’olio impostando la temperatura a 100 e montate il gancio con spatola a spirale e fatelo stufare poi bagnatelo con 1 cucchiaio di acqua, salate lasciandolo cuocere per 10 minuti circa. Unite le verdure con l’olio rimasto, lo spicchio d’aglio e un pizzico di sale. Lasciate per ultima la melanzana perché essendo spugnosa assorbirà tutto il condimento. Con il frullatore frullate le foglie di rucola con olio d’oliva e un pizzico di sale.

Nella planetaria portate a bollore l’acqua fino al limite segnato impostando la temperatura al massimo, regolatela di sale poi fate cuocere la pasta. Scolatela e versatela nel condimento lasciando un po’ d’acqua di cottura. Servite subito con abbondante ricotta a scaglie. Tagliare i carciofi a julienne e passarli in padella con olio, aglio, le erbe tritate e il vino bianco, tritare e una volta freddi unire alla ricotta ed al pecorino romano, riempire le crespelle legando poi con dei laccetti ottenuti dalla foglia verde del porro scottato, in modo da ottenere dei fagottini. Gratinare in forno cosparsi di burro e parmigiano, servire su fonduta di panna e pecorino dolce, conservando qualche petalo per decorare.

La seconda portata è generalmente quella che mette più in crisi gli “onnivori”, alle prese con un menu che possa andar bene per parenti e amici vegetariani. Ecco le nostre proposte, gustose e anche di grande effetto visivo.

Sformato di seitan e fagiolini:

Lavate e spuntate i fagiolini. Cuoceteli al vapore per 15 minuti, e poi lasciateli intiepidire a pentola chiusa. Tagliate il seitan a pezzetti piccoli, sbucciate e tritate lo scalogno e anche il prezzemolo. Tagliate il pane raffermo a pezzi e mettetelo in una terrina, inumiditelo con l’acqua tipieda e lasciamolo ammorbidire.

Rosolate lo scalogno in olio extravergine di oliva, unite il seitan, il prezzemolo, sale, pepe e lasciate insaporire a fiamma moderata per 2/3 minuti. Unite i fagiolini, il pane. Cuocete per altri due o tre minuti, regolando di sale se serve. Foderate uno stampo a cerniera con la carta da forno inumidita, ungete con olio l’interno e versate il composto di seitan e fagiolini. Scottate il tofu sulla piastra da ambo i lati. Disponete i piatti con al centro gli spinaci le verdure ed il tofu condite con soya e olio di oliva emulsionato servite a temperatura ambiente.

Il nostro menu di Natale vegetariano è giunto alla fine. Per il dessert abbiamo diverse e golosissime proposte che andranno bene per grandi e piccini!Montate i tuorli con lo zucchero e una volta spumoso versate il vin santo, mescolate con cura e cuocete la crema a bagnomaria montandola con una frusta fino a raggiungere la temperatura di 82 per 3 minuti circa. Togliete la crema dal fuoco, strizzate la colla di pesce e unitela mescolando in modo che si sciolga per bene. Tritate grossolanamente le nocciole e aggiungetele al composto.

Lasciate intiepidire la crema fino a 25 circa ed unire la panna montata alternata al cioccolato. Foderate due stampi da plum cake con i cantucci sia il fondo che le pareti, versate il composto, chiudete con il resto dei biscotti tritati e ponete in frigorifero per 4 ore circa. Servite la charlotte a fette spesse con una salsa al cioccolato.

Tagliate il pandoro a fette spesse 1 cm e sistematele sul fondo di una piccola teglia quadrata da 20cm di lato ben imburrata. Spruzzate le fette di pandoro con il liquore poi distribuite le mele sbucciate e tagliate a fettine intervallandole con i pezzi di pandoro rimasti.
woolrich outlet Il menù di Natale per i vegetariani