peuterey luna il Risveglio dell

peuterey stripes il Risveglio dell

Continuando a crescere e anche spiritualmente, ho iniziato a ricordare barlumi della che mi era stata data. Le memorie esplodevano nella mia mente e richiedevano attenzione. Stavo combattendo anche con la mia dipendenza, cercando di capire quale legame avesse con la vita che avrei dovuto seguire. Di conseguenza ho scritto un intero romanzo a mano in due quaderni mentre frequentavo il liceo. Nella storia emergevano le parti buone e cattive della mia personalità. Ovviamente, come vedremo, il principale personaggio, Harry, era una descrizione di me stesso e di come mi sentivo, ma esagerata.

Quello che non capivo era che John, il personaggio principale non fisico nella storia, era la mia parte subconscia che chiamo Nonno. Ho usato un po di licenza drammatica per la storia qua e la, in modo da rivelare la vera identità di John e per farla rientrare nelle mie più recenti scoperte riguardanti il concetto di Ascensione, ma ho cercato di preservarne il contenuto originale al meglio.

Ho anche cambiato l scena, combinando i dati da due parti diverse del libro originale. Cosa più importante, l riscritta in persona per chiarire al lettore che stavo scrivendo davvero su di me e sulle mie esperienze psichedeliche bizzarre. Come vedremo, le esperienze di questo personaggio di fantasia, vanno ovviamente oltre quelle della mia vita reale.

PAZZO HARRY: UN IN SETTE DIMENSIONI

di David Wilcock

Il mio respiro era rapido e affannato. Avevo mal di testa, era come un trapano nelle orecchie. Correvo più forte di quanto mai avessi fatto. No. Persino più forte. Il mio cuore batteva come un martello pneumatico. Ero perso in una strana fabbrica. Venivo seguito. Dove potevo andare? Come potevo scappare da questo terribile persecutore? Non potevo ricordare come fossi finito lì. Il mio respiro usciva a rantoli.

Ogni mio muscolo gridava per protesta. Il mio petto bruciava come il ferro caldo, una incudine premeva su di esso. Mi guardavo attorno, cercando l ma non vedevo nulla. Pile di scatole. Vapore. Lunghe mura di metallo. Strani tubi di diversa dimensione si estendevano senza fine lungo le mura. Il sudore colava sul mio viso. Nei miei occhi. Correvo ancora più forte. Con la coda dell vedevo un grande dispositivo che sembrava meccanico, montato su un piedistallo.

Immagine familiare. Qualcosa di comune, che avevo visto già, grande, meccanico, qualcosa come.(un motore, mi informava la mia mente)

Correvo verso lo strano e grande oggetto, con i suoi tubi e le sue pieghe brillanti e cromate. Doveva esserci altro lì vicino, un intero veicolo. Qualcosa. Trovando un veicolo potevo fuggire. Potevo sfuggire al bastardo che mi inseguiva. Cos potuto fare? Superato il motore, lascio le mie speranze con lui. Potevo sentire i suoni feroci dei passi in corsa dietro di me.

Potrei descrivere la differenza tra il mio suono e quello del mio inseguitore. Chok chok chok chok. Suonava familiare, come un cavallo in corsa. Come i suoni degli zoccoli. Il pensiero mi faceva correre con più persistenza. Zoccoli. Come fossi inseguito da una terribile bestia.(bestia, finalmente hai capito, corri, se sai cosa sia bene per te)

Che tipo di bestia era? Faceva i miei stessi suoni a doppio passo. Questo significa: due piedi, due zoccoli, due corna? Un tipo di bestia, la bestia, un diavolo di idea, che va dalla bestia, che va dal diavolo.

Oh, mio Dio, non questo! Tutto ma non questo! Il riconoscimento improvviso del mio persecutore mi ha fatto sentire improvvisamente le vertigini. Guardavo avanti, ma parte dell era oscurata, come se qualche elettricista robotico stesse togliendo i fusibili dalla mia mente. Il mio corpo è caduto in avanti e le mie mani si sono allontanate. I miei piedi hanno vacillato e mi sono controllato appena, cercando disperatamente di continuare a correre. Il mio cervello sapeva che ero destinato a fallire. Dovevo correre per sopravvivere.

Correvo forte, il mio respiro era pesante, il petto urlava, le gambe erano distrutte. Cercavo di respirare, ma l non c Correvo come un piccolo topo, rincorso dal feroce gatto. Guardando il corridoio, ho visto che finiva a circa trenta yard da me. Virata a sinistra. Il mio cervello schizzava. Ero inzuppato di sudore.

Il corridoio, gira a sinistra a meno di dieci yard, era visibile. Correvo più forte che potessi. La mia mente era nel panico. Ho sentito cedere le gambe. Angolo. Gira l e cerca di Strada chiusa. Movimento finito.

Ho sentito le mie braccia bloccate come in una morsa. Vedevo solo rosso. Rosso, come un velluto steso su dei massi arrotondati. Massi contorti come muscoli. Pelle rossa. Petto muscoloso. Davanti alla mia faccia. Afferrato. Finita la corsa. Bloccato tra due mani terribilmente forti. Artigli sulle mani. Artigli scavano sulla mia pelle. Ho iniziato a urlare, un suono che ha trafitto una risata orribile che non potevo sentire. Ero finito. Ero stato preso. Vita all tirato nel terribile abisso Mi sveglio di colpo, con un grido, il mio cuore batteva furiosamente. Sudore freddo. Mi guardavo attorno freneticamente, ansimando e pensando di essere in fuga, ma ho capito che ero nella mia stanza. Era solo un sogno. Desiderando di tornare alla normalità, ho capito rapidamente che la terribile realtà divenuta la mia vita, era come prima. Anche se non avrei immaginato di divenire così, ho dovuto ammettere che ero, in un certo senso, bloccato fra le dimensioni.

Non era rimasto nulla di umano in me, dato che potevo vedere i mondi non fisici facilmente quanto quelli che chiamavo semplicemente Il mio mondo fisico ora sembrava meno solido, sembrava composto da onde d interferenti. Inoltre, ognuno dei miei cinque sensi era estremamente accentuato. Il suono di un telefono mi sembrava come quello di un treno merci e da tempo lo avevo strappato dal muro.

Avevo dovuto staccare tutti i dispositivi elettronici in casa, ora sentivo il rumore della corrente elettrica che vi passava. Non era molto piacevole. Volevo davvero uscire, ma in quella condizione avevo molta paura del mondo fisico. Ora i miei pensieri fluivano a velocità inimmaginabile e solo guardare un oggetto in casa poteva scatenare milioni di analisi diverse a velocità fulminea.

In un colpo solo potevo pensare a com stato costruito, dove, con quali materiali, il suo uso più comune, quale valore potesse avere, con quale colore avrei potuto dipingerlo, cosa sarebbe successo lanciandolo giù dalla finestra. I piccoli rumori del masticare e camminare ora erano amplificati e cercavo quindi di non muovermi troppo e dovevo sforzarmi per mangiare.

Gli oggetti dal colore più brillante nel mio appartamento erano così intensi e distinti che potevano farmi male gli occhi, quindi cercavo di coprire tutto ciò che mi infastidisse. Il mio corpo fisico ora sembrava una colonna spiraleggiante di energia e a volte vedevo le mie mani o le braccia, divenire trasparenti.

Cercavo di evitare queste esperienze, ma non importava, semplicemente non cessavano. Temevo davvero di impazzire. Inoltre, in questo nuovo mondo, capivo che non ero solo. Potevo percepire facilmente molti esseri luminosi che sembravano esistere attorno a me, ma erano invisibili agli altri. Molti di questi esseri erano cattivi e demoniaci e non sapevo come evitarli. Sembrava che mi osservassero, si divertissero con me, che sapessero della mia capacità di vederli. Mi innervosivano e cercavo un modo per renderli nuovamente invisibili.

Avevo preso due settimane di ferie prima che tutto iniziasse e ora la mia vacanza era finita e sarei dovuto rientrare nel mondo reale. Non sapevo onestamente se ci sarei riuscito. Ho riorganizzato i miei pensieri pe tornare stabile e apparire normale agli altri, avevo capito come rallentare la mia mente. Ancora, tutta l e le visioni continuavano a fluire attorno a me e il mondo era pieni di entità.

Ridevo per la disperazione, per il problema stupefacente che presto avrei affrontato. Come potevo sapere che con l del mio desiderio, avrei vissuto un tale terrore? Queste domande mi affliggevano come una malattia. Perchè non ho desiderato qualcosa di migliore? Un miliardo di dollari. Fama. Tutto. Altri dieci desideri! Se fossi tornato a quel giorno miracoloso e avessi potuto cambiare gli avvenimenti. Anche se erano passate alcune settimane, sembrava una eternità. L è tornata vivida nella mia mente appena ci ho ripensato.

Un giorno caldo di primavera, ho ricevuto una chiamata dal mio amico di college, Ray, appena tornato da un corso di antropologia in Messico. Ero affascinato nel sentire che Ray aveva scoperto un cactus a forma di cervello, con qualità psichedeliche potenti e che a quanto pare veniva usato da sciamani indigeni con cui aveva lavorato.

Molti anni fa il cactus era apparso di notte in un grande oscuro cratere nel deserto e molti membri della tribù avevano visto una luce brillante scendere dal cielo la notte prima. Benchè il cactus fosse stato da tempo nascosto e coltivato, Ray aveva guadagnato l di possedere una delle piante sacre, per il suo profondo coinvolgimento con la tribù. In qualche modo era riuscito a farla passare e arrivare in America.

Gli sciamani avevano avvisato Ray che il cactus era molto potente e che andava maneggiato solo da quelli con la volontà di ferro. Dato che tendevo a provare quello che poteva espandere la mia coscienza, Ray si era offerto come guida in questa mia avventura.

L iniziale era che avremmo fatto a turno, una persona rimaneva concentrata e sobria per guidare l dell Dato che Ray l già fatto con lo sciamano, toccava prima a me. Nello spazioso bosco dietro alla casa di Ray, ho preso un pezzo di cactus che aveva tagliato col suo coltello da tasca. I suoni degli uccelli rimbalzavano tra gli alberi, mentre mi diceva di masticarlo.

Masticavo e aveva un sapore cattivo, come la sensazione sulla lingua che danno i poli di una batteria da nove volt. Appena il suo succo tagliente ha toccato la mia lingua, ho avuto una profonda e insolita esperienza. Mi sono trovato a fluttuare fuori dal mio corpo e mi trovavo in una zona grigia. Con mia grande sorpresa, è apparso un essere di Luce e si è identificato come realizzatore di desideri.
peuterey luna il Risveglio dell