peuterey giubbino i supplì e la sbrisolona al moscato

peuterey parka uomo i supplì e la sbrisolona al moscato

Oggi lunedì 24 ottobre 2016 intorno alle 11.50 andrà in scena una nuova puntata de La prova del cuoco, il programma di cucina condotto da Antonella Clerici su Rai 1, uno show seguitissimo per le tante e gustose ricette che ogni giorno suggerisce. In attesa di scoprire quali saranno le novità di oggi, diamo uno sguardo a tutte le preparazioni protagoniste in chiusura della settimana scorsa. Una delle prime ricette presentate è stata quella del raviolo aperto di Pascucci farcito con funghi e triglie. Dato che è venerdì, infatti, le ricette di pesce sono in tema, e quindi è stato dato spazio a questo gustosissimo raviolo. La pasta, rigorosamente all’uovo, dev’essere stesa molto sottile, dopodiché bisogna sfilettare le triglie e far saltare in padella aglio, olio, rosmarino ed altre erbe aromatiche coma la mentuccia e l’origano alle quali si aggiungono le teste delle triglie e dei pomodorini, per poi sfumare il composto con il vino bianco, aggiungendo alla fine dell’aceto. Questa sarà la base della salsa, che andrà frullata e fatta addensare a fuoco lento. A parte in padella, con olio e un piccolo rametto di rovo, si cuociono i filetti di triglie appena scottati, mentre si sono bolliti anche dei tondi di pasta all’uovo coppata in abbondante acqua salata. Mentre si sono fatti saltare anche i funghi in padella con aglio e olio, si uniscono i filetti di triglie e la salsa con pomodorini, capperi e acciughine all’interno dei ravioli, per poi condire tutto con i funghi e con altra salsa a base di triglie.

Dopo questa ricetta è stata la volta di un piatto di terra tipico della tradizione romana come i supplì, che infatti sono stati proposti dal cuoco romano Gabriele Bonci. Tuttavia, i supplì di Bonci erano una rivisitazione di quelli classici, poiché fatti con gli spaghetti. Il sugo di pomodoro può essere fatto soffriggendo cipolla, aglio e passata di pomodoro in una padella, e una volta cotta la pasta in abbondante acqua salata si può ripassare in questo sugo semplice ma molto gustoso. Dopo aver fatto raffreddare gli spaghetti si prendono con le mani creando delle piccole sfere leggermente ovali al centro delle quali si pone un pezzo di mozzarella che in cottura diverrà filante. Si passano poi nell’uovo sbattuto con il sale e nel pangrattato per due volte (nota come doppia panatura), per poi friggerli in olio bollente.

La sbrisolona al moscato di Valbuzzi è stata un’altra delle ricette proposte in puntata, poiché nel programma non può mancare mai la ricetta di un dolce. Delle mandorle tritate con il rosmarino vengono mescolate a burro leggermente sciolto, vaniglia, zucchero, farina gialla, tuorli d’uovo sbattuti e a delle scorze di limone e di arancia grattugiate che danno il profumo alla torta. Se si mette insieme tutto questo impasto e si lavora con le mani si ottiene un composto morbido ma molto granuloso che comporrà la base della torta e verrà infornato a 180 per 45 minuti. In un pentolino sul fuoco, intanto, i tuorli d’uovo e lo zucchero vanno fatti andare per creare lo zabaione, mentre sul finale si aggiunge il moscato che dà quell’inconfondibile aroma, e poi si unisce questo zabaione cotto a bagnomaria alla torta preparata in precedenza. Lo zabaione può, a piacere, anche essere arricchito con dell’uvetta.
peuterey giubbino i supplì e la sbrisolona al moscato